• Non sono ammesse registrazioni con indirizzi email temporanei usa e getta

La promessa dell'assassino

MyBlueEyes

Digital-Forum Gold Master
Registrato
9 Luglio 2010
Messaggi
9.596
Località
64°08′N - 21°56′W
Ho guardato questo film con molto interesse visto l'alto voto attribuitogli da www.imdb.it (un importante 7.8/10) e vista la partecipazione di Naomi Watts e Viggo Mortensen.

Chi avesse visto A History of Violence, concorderà nell'affermare che Cronenberg si è cinementato in una specie di seguito, forse più dark e metropolitano, in una Londra piovosa e fredda. Ancora una volta, Viggo Mortensen (Nikolai) cela un'identità segreta, cosa che riesce, forse, a trasparire solamente all'animo martoriato di Anna (Naomi Watts). Il tutto gira intorno ad una bambina innocente, capace, a suo malgrado, di mettere in crisi il male stesso che l'ha generata.

Il film si lascia guardare, ha un cast curato ed impeccabile, dove Mortensen, la Watts e Vincent Cassel danno una prova superba. Le atmosfere sono cupe e grigie come tutto che ciò che gravita attorno al Trans-Siberian. La scena di lotta nella sauna è memorabile eppure.... eppure... c'è un qualcosa che non mi ha convinta del tutto, sopratutto nel finale: il colpo è rimasto quasi tutto in canna, senza dare molte emozioni.

La parola alla difesa! :)
 
l'ho visto circa un anno fa su Rai4 e mi ha appassionato dall'inizio fino alla fine :)
attori strepitosi, ambientazioni credibili hanno reso questo film uno dei miei preferiti :)

io condivido ed alzo pure il voto di IMDb :)
 
L'ho visto anch'io al cinema, e devo dire che mi è piaciuto tantissimo, veramente ben fatto. ;)
 
Beh allora ci penso io :D
Visto sia questo che "A History of Violence" -per quanto riguarda "La Promessa dell' assassino" buon film ma troppo "algido" e "autocompiaciuto" - e bisogna vedere quanto è voluta questa attitudine "sotto le righe" ...per certi versi "sopravvalutato" a mio avviso -e ricorda per impostazione narrativa e per certi aspetti -che non rivelo poichè legati alla trama - un pò troppo "Chinatown" di Polansky del 1974,che invito tutti a vedere o ri-vedere. Anche se non è invecchiato molto bene il film di Polansky rimane un "classico" del "Noir".;)
http://www.mymovies.it/dizionario/recensione.asp?id=5244
 
MasterBlaster78 ha scritto:
Visto sia questo che "A History of Violence" - per quanto riguarda "La Promessa dell' assassino" buon film ma troppo "algido"
Visto la similarità dei due film, oso dire che il primo riusciva ad instaurare un sentimento di attaccamento personale verso Viggo e la sua famiglia: c'era un rapporto, che poi è andato in crisi ma al quale (credo! - L'ho visto al cinema ed è passato un po' di tempo) i due protagonisti cercano di aggiustare, mentre in quest'ultimo film i personaggi sono molto anonimi, avvinghiati nell'ombra di una Londra fredda e buia.
 
Bellissimo film che ti tiene incollato al divano. Cronenberg è sempre un genio
 
per chi volesse vederlo (o ri-vederlo...) appuntamento domani sera, mercoledì 29/6, alle h.21.10 su Rai4...:evil5: ;)
 
Indietro
Alto Basso