• Non sono ammesse registrazioni con indirizzi email temporanei usa e getta

Discussione sui Climatizzatori

Grazie a tutti per le risposte.
In uno dei manuali ho visto che c'è l'R410 che è già bannato.
Sono d'accordo che la prima idea sia quella di tenere tutto installato per lo scarso uso in raffreddamento (per il riscaldamento in futuro, installando il fotovoltaico , spero di riuscire ad installare una pompa di calore aria-acqua dunque per i termosifoni per arrivare a togliere il metano).
Dovrei solo capire quanto potrebbero valere dei climatizzatori con 10 anni di vita.
 
Ma secondo me te li lascia sicuramente!
Se li smontasse andrebbero ricaricati e non si potrebbero nemmeno ricaricare.
 
Argomentazioni per la questione condizionatori vecchi: se il vecchio proprietario li fa togliere cio' ha un costo rappresentato dall'operaio della ditta specializzata per lo smontaggio, il recupero del gas che deve fare assolutamente e lo smaltimento. Se invece il vecchio proprietario te li lascia, il giorno in cui sei costretto a cambiarli, la ditta specializzata farà lo smaltimento e proporrà un costo tale da venire incontro al cliente. Qundi è probabile che il vecchio proprietario lasci i condizionatori sul posto. Comunque dovresti essere certo del loro funzionamento perchè altrimenti non so se sia conveniente averceli per doverli smaltire ... a meno che non si tenga conto del costo dell'operazione.
 
Piccola informazione in caso di sostituzione vecchio impianto climatizzazione con Gas R22 e tubazioni


R410A che si usa dal 2015 ed ha sostituito R22, sarà vietato dal 1 Gennaio 2025

I nuovi climatizzatori usano l'R32 , in questo caso se si ha un climatizzatore che usa R410A non ci sarà nessun problema con le tubazioni come invece succedeva con R22 e l'R410A o R32
 
Cmq alle volte se li smontano e li portano nella nuova casa. L'ho visto diverse volte
 
Ma secondo me te li lascia sicuramente!
Se li smontasse andrebbero ricaricati e non si potrebbero nemmeno ricaricare.
Anche perche' come e' possibile pensare che un venditore si porti via dei climatizzatori vecchi di 10 anni che forse non hanno neanche piu' valore di mercato.
 
Anche perche' come e' possibile pensare che un venditore si porti via dei climatizzatori vecchi di 10 anni che forse non hanno neanche piu' valore di mercato.
solo se ha qualcuno di fiducia che glieli rimonta non spendendo quasi niente. comunque ripeto che per un condizionatore buono 10 anni non sono niente. qui hanno 20 anni suonati e vanno benissimo(panasonic top gamma del 2003) se vanno...lasciali andare. se uno deve metterli nella "nuova casa" non prende i suoi vecchi anche perché in 10 anni sono nati veramente da tutti i prezzi possibili e immaginabili. la nuova casa potrebbe essere + piccola o più grande quindi inutili
 
Per scegliere il giusto condizionatore ho visto:
1 - abbinare i kW in base ai metri quadrati della stanza
2 - abbinare i BTU ai metri cubi della stanza
Perchè questa discrepanza?
La mia stanza è ALTA 3 metri e 3,4 x 3,7. Genericamente (cioè senza sapere se esposta al sole oppure no e altre cose) quanti kW e/o BTU dovrebbe avere il condizionatore?
 
La mia stanza è ALTA 3 metri e 3,4 x 3,7. Genericamente (cioè senza sapere se esposta al sole oppure no e altre cose) quanti kW e/o BTU dovrebbe avere il condizionatore?
La scelta non è così critica.
Se ne prendi uno meno potente, starà acceso alcuni minuto in più, ma il consumo sarà lo stesso perchè un codizionatore più potente farà prima, ma assorbirà più corrente.
Nel tuo caso secondo me 9000BTU vanno bene.
12000 sarebbe quasi eccessivo ma va bene se lo trovi a buon prezzo, tenendo conto che se hai solo 3KW di contatore, devi stare attento a non far andare i grandi elettrodomestici insieme al condizionatore.
Volendo fare i precisini, bisogna anche vedere l'esposizione della stanza, se confina col muro esterno, il colore del muro esterno, l'altezza del piano, ecc.
L'altezza del soffitto della stanza non è significativa perché l'aria fredda va in basso.
L'altezza conta quando si parla di riscaldamento.
 
Fra le caratteristiche vedo i metricubi al minuto. Dò per scontato che, trattandosi di gas, non sia perfetto come litri al minuto per riempire una tanica.
Come faccio a sapere quanto tempo ci vuole perchè ci sia del freddo CONSISTENTE? Intendo che dopo un pò di tempo che lo spento (quando vado a letto) il freddo rimanga ancora per un bel pò.
 
Il condizionatore va lasciato sempre acceso mentre si dorme a temperatura costante mettere tipo 27 gradi e stai tranquillo che assorbe tutta l'umidità
Accendi e spegni consumi di più. Edito anche perché le pareti cmq sono calde e fa un attimo a tornare caldo. Cmq per rinfrescare 10 15 minuti ci vogliono.
 
Ultima modifica:
Confermo.
Spegnere significa buttare via in pochi minuti tutto quello che si è rinfrescato.
Alcuni condizionatori hanno la modalità "notte" che alza automaticcamente la temperatura di 2° dopo alcune ore di raffrescamento.
Ma spegnere (a meno che non si abiti in un posto che la notte è fresco) è proprio una scemenza.
Il fatto che uno stia fresco è per l'aria asciutta e fresca che si muove, ma i muri restano caldi e in poco tempo riscaldano l'aria e si torna a sudare.
 
Ultima modifica:
Il condizionatore va lasciato sempre acceso mentre si dorme a temperatura costante mettere tipo 27 gradi e stai tranquillo che assorbe tutta l'umidità
Accendi e spegni consumi di più. Edito anche perché le pareti cmq sono calde e fa un attimo a tornare caldo. Cmq per rinfrescare 10 15 minuti ci vogliono.

Concordo, 27 gradi in modalità comfort (manda solo un leggerissimo filo d’aria) tutta la notte e si dorme benissimo con il lenzuolo sopra.
Spegnere non ha senso, si consuma di più e si dorme male.
 
tolto il momento di picco dell'accensione...con 3 KW si sta tranquilli anche con altri grandi elettrodomestici...che in estate saranno si e no una lavatrice a 30 gradi di magliettine e la lavastoviglie. il mio forno d'estate diventa portapentole e stop.
se si abita in una zona torrida e con condizionatore con unità esterna poco riparata...accendere e spengere di continuo è una grande gigantesca strepitosa ca**ata
 
Lo accenderò (una volta soltanto) dopo cena, non so ancora a quale ora, ma cambierà dal periodo e soprattutto dalle temperature, e lo spegnerò prima di andare a letto. L'unico elettrodomestico con cui conviverà sarà la lavastoviglie. E lo userò soltanto quando non potrò aprire la porta sul balcone.
 
Per chi può permetterselo consiglio il canalizzato.
Personalmente non gradisco esteticamente le griglie del canalizzato, mi sembra di stare in un ufficio.
E poi costringono a controsoffittare.
Comunque è una soluzione pulita ma costosa, perché prevede parecchio lavoro di installazione.
 
Indietro
Alto Basso