• Non sono ammesse registrazioni con indirizzi email temporanei usa e getta

In Rilievo Discussioni sulla Radio Digitale DAB/DAB+

Le radio locali stanno chiudendo tutte Almeno per come concepite inizialmente.

Il tx magari che faceva qualche isolato è scomparso.

A Milano l'ultima ipertenace è stata Crystal Radio che trasmetteva localmente a livello quartiere da decenni sui 96.300, assestata ultimamente a 96.200 disturbando di fatto molti network regionali e interregionali.

Da poco ha spento l'FM e si è presentata sul DAB ma soprattutto su IP. I relativamente pochi affezionati continuano a seguirla nella ristretta area ma hanno a disposizione anche un area globale. E ne sono certo più da IP che da DAB perche certamente visto la pessima ricezione lo facevano già da prima del DAB.

Ha anche ripetuto per anni trasmissioni della svizzera italiana rete 1.

Forse è stata davvero l'ultima così locale a spegnere lo storico TX.
Nella mia zona, non parlo di realtà prettamente di quartiere ma di radio locali/provinciali...
Dai primi anni 2000 (quando DAB+ e IP erano ancora inesistenti) è iniziato nella mia zona una corsa da parte dei network nazionali all'acquisto prima di frequenze e poi di interi network locali solo per prendere le frequenze... Radio a copertura provinciale o pluri provinciale come Radio12, Radio Malvisi, Radio City, Radio Monte Kanate, Radio Nettuno (per l'area dell'Emilia Occidentale), Radio LatteMiele (area di Parma) e DiscoRadio (area Emiliana) sono state chiuse e le frequenze assorbite in primis dai gruppi RDS, RTL, GEDI e Mediaset per potenziare le loro coperture uccidendo l'emittenza locale, la pubblicità locale e tante realtà abbastanza strutturate e comunque con un certo seguito...
Come vedi non ho fatto nomi di radio "sfigate" (passatemi il termine) a copertura di quartiere ma nomi importanti che si sono visti rubare lo spazio dagli "squali" grossi che si sono presentati alla loro porta con assegni importanti a cui non potevano dire di no per impossessarsi delle loro frequenze...
Il risultato è che dove sono io ho in FM 5 frequenze su cui ascoltare RDS, 3 frequenze su cui ascoltare RTL, 3 frequenze per 105, 2 frequenze per DeeJay... ma poco e niente per le notizie locali.
L'IP ucciderebbe ancora di più queste realtà in quanto la radio locale non può vivere con la concorrenza delle radio mondiali ma può fare tanto in DAB+ in quanto non avrebbe il problema di gestire la rete (visto che si avrebbero consorzi o operatori di rete a cui pagare una sorta di affitto) cosa che porta via la maggior parte delle risorse finanziarie e si troverebbero a illuminare un territorio rappresentativo e soprattutto si tornerebbe ad una concorrenza leale fatta sul prodotto e non su quanti kw spari per farti ascoltare anche senza antenna...
Il DAB+ è oggettivamente l'ultima spiaggia per una vera e propria rivoluzione radiofonica prima che il web distrugga completamente il comparto delle radio locali.
 
Nella mia zona, non parlo di realtà prettamente di quartiere ma di radio locali/provinciali...
Dai primi anni 2000 (quando DAB+ e IP erano ancora inesistenti) è iniziato nella mia zona una corsa da parte dei network nazionali all'acquisto prima di frequenze e poi di interi network locali solo per prendere le frequenze... Radio a copertura provinciale o pluri provinciale come Radio12, Radio Malvisi, Radio City, Radio Monte Kanate, Radio Nettuno (per l'area dell'Emilia Occidentale), Radio LatteMiele (area di Parma) e DiscoRadio (area Emiliana) sono state chiuse e le frequenze assorbite in primis dai gruppi RDS, RTL, GEDI e Mediaset per potenziare le loro coperture uccidendo l'emittenza locale, la pubblicità locale e tante realtà abbastanza strutturate e comunque con un certo seguito...
Come vedi non ho fatto nomi di radio "sfigate" (passatemi il termine) a copertura di quartiere ma nomi importanti che si sono visti rubare lo spazio dagli "squali" grossi che si sono presentati alla loro porta con assegni importanti a cui non potevano dire di no per impossessarsi delle loro frequenze...
Il risultato è che dove sono io ho in FM 5 frequenze su cui ascoltare RDS, 3 frequenze su cui ascoltare RTL, 3 frequenze per 105, 2 frequenze per DeeJay... ma poco e niente per le notizie locali.
L'IP ucciderebbe ancora di più queste realtà in quanto la radio locale non può vivere con la concorrenza delle radio mondiali ma può fare tanto in DAB+ in quanto non avrebbe il problema di gestire la rete (visto che si avrebbero consorzi o operatori di rete a cui pagare una sorta di affitto) cosa che porta via la maggior parte delle risorse finanziarie e si troverebbero a illuminare un territorio rappresentativo e soprattutto si tornerebbe ad una concorrenza leale fatta sul prodotto e non su quanti kw spari per farti ascoltare anche senza antenna...
Il DAB+ è oggettivamente l'ultima spiaggia per una vera e propria rivoluzione radiofonica prima che il web distrugga completamente il comparto delle radio locali.
Fra l'altro Radio Parma è stata la prima radio italiana a trasmettere regolarmente (1 gennaio 1975), come riportato anche da testi consigliati a livello universitario...
Poi adesso Sinner ci dirà che invece è stata Radio Milano International, ma è una palla...
In una rara intervista che avevo linkato da qualche parte e adesso non ho tempo di cercare Angelo Borra stesso (che pure è stato celebrato nei necrologi come padre della prima radio libera...) lo ammetteva...
Che poi non c'è niente di male, lo avevano fatto apposta, credo che gli fecero avere il trasmettitore i fratelli Borra stessi, a Radio Parma, per vedere cosa succedeva, visto che partire a Milano sembrava troppo ardito...
 
Fra l'altro Radio Parma è stata la prima radio italiana a trasmettere regolarmente (1 gennaio 1975), come riportato anche da testi consigliati a livello universitario...
Poi adesso Sinner ci dirà che invece è stata Radio Milano International, ma è una palla...
Esatto.
Radio Milano International accese il trasmettitore il 10 marzo 1975 e a Roma il 16 giugno 1975 partì Radio Roma.
 
Esatto.
Radio Milano International accese il trasmettitore il 10 marzo 1975 e a Roma il 16 giugno 1975 partì Radio Roma.
E ai primi di settembre 1975 RadioReggio :)
Io, pur avendo all'epoca 14 anni, già trafficavo con le radio e "dentro" le radio...nello specifico stavo pulendo una radio Kennedy degli anni 50 con l'FM (che stranamente andava oltre i 100 MHZ).
Proprio mentre giravo la sintonia mi vedo apparire da un momento all'altro un segnale sui 102.5 (che fu in seguito venduto a RTL) "RadioReggio prove tecniche di trasmissione"...era il destino che mi chiamava... :D
L'anno dopo già ero a l'Aradio Città Uno (che forse conosci come nome perché un ragazzino - Roberto Brandolini - che all'epoca ci lavorava, si trasferì a Roma e aprì una radio con questo nome che divenne in seguito molto nota...). L'anno dopo ancora andai proprio a RadioReggio, che era una roba seria...figurati che sto andando in pensione anche grazie ai contributi che all'epoca mi versò... ;)
 
Chiedo scusa degli OT...ma del resto...sul DAB c'è mai niente da dire (almeno qui)... :D

Ci sono poi diverse emittenti locali, fm o dab che sia.. che sulla proprietà del gruppo in realtà proprio locali non sono..
Ad esempio Radio Subasio che è una storica emittente che copre buona parte del centro Italia in fm, da un po’ di anni è di proprietà del gruppo Fininvest. E in dab oggi in tutta Italia.

Nel senso, c’è “locale” e “locale”..


Oppure appunto, caso opposto, RBC Grosseto, in piedi dagli anni 70 che a momenti non copre nemmeno l’area urbana cittadina.. e che quando gli vai a parlare di DAB, pensano sia la marca di una birra o di una elettrovalvola per caldaie..
 
Un pippozzo infinito, una serie di discussioni, il tutto per una notizia FALSA

Kristall sta trasmettendo in Fm. Foto di qualche ora fa.

Farei MOLTA attenzione la prossima volta (ma è Spinner: che ce lo diciamo a fare?)

cri.jpg
 
Un pippozzo infinito, una serie di discussioni, il tutto per una notizia FALSA

Kristall sta trasmettendo in Fm. Foto di qualche ora fa.

Farei MOLTA attenzione la prossima volta (ma è Spinner: che ce lo diciamo a fare?)

cri.jpg
Davvero ? Io non la sento assolutamente più. A 96.100 c'è Radio Libera ed a 96.300 un altra che non ricordo (radio sound 24) e sono a pochi km dal 96.2. E questo da parecchio tempo. Prima da casa la sentivo quasi perfettamente. Mi spiace aver dato una notizia inesatta appunto ho provato diverse volte a sintonizzarla ma senza risultato e sembrava fosse spenta. Aiutandomi anche con il dab per capire se era almeno di sottofondo.
 
Ultima modifica:
Possibile. Riproverò a cercarlo nei prossimi giorni.
Speravo che era un test per un futuro aggiornamento in DAB del gap-filler di Rai Radio 1 in FM attivo in zona, che si distingue dagli altri per un "fruscio" tutto suo.
Allora, ho effettuato i test della ricezione del MUX RAI DAB a Fontegreca (CE), come promesso.
Effettivamente, sembra che nella zona suddetta (Monti del Matese, al confine tra Campania, Lazio e Molise) a seconda delle condizioni meteo arrivano più segnali che spesso vanno in interferenza distruttiva verso l'alba ed il tramonto, ma di giorno e di notte si ascolta senza troppi problemi. Il trasmettitore principale dovrebbe essere Faito, quello interferente Roccamonfina, ma non posso escludere altri trasmettitori laziali (o abruzzesi?) più lontani.

OT: era fm scan il portale che permetteva di identificare "chi-trasmette-e-dove", vero? Adesso a quell'indirizzo chiedono di registrarsi, e non sono sicuro siano gli stessi...
 
Indietro
Alto Basso