• Non sono ammesse registrazioni con indirizzi email temporanei usa e getta

La disonestà di FORUM

-Giu-

Digital-Forum Gold Master
Registrato
18 Ottobre 2009
Messaggi
6.753
Che al programma Forum (Mediaset) fossero scritturati degli attori per rappresentare storie verosimili (in genere il contratto prevede che l'attore o l'attrice non vada in altre trasmissioni nazionali Rai o Mediaset per 3 anni, assumendo ruoli o parti principali) è risaputo (accade lo stesso nel clone di Rai1 dove hanno addirittura chiamato a recitare una venditrice di Mediashopping) ma quanto successo in una delle ultime puntata offende molti aquilani.

Lancio un appello a Rita DALLA CHIESA in virtù del cognome che porta, del padre generale, ucciso dalla mafia che personalmente ritengono un eroe e un esempio di onestà e rigore morale, affinché chiarisca la situazione (pare che non risponda alle mail e gli aquilani andranno fuori dagli studi dove si realizza il programma per protestestare) e si sottragga a certi squallidi giochi.

"Sta facendo non poco discutere una storia presentata alla trasmissione Forum, condotta dalla signora Rita Dalla Chiesa. Lo scorso venerdì una donna aquilana si è rivolta al programma per chiedere del denaro all'ex marito. "Io sono abruzzese, sapete tutti che c'è stato il terremoto. Avevo un'attività grandissima, vendevo abiti da sposa. Poi con l'avvento del terremoto, purtroppo, ho perso tutto. Sono separata da mio marito dal 2004. Mi dava 500 euro al mese perchè abbiamo due figli. In questo momento io chiedo a mio marito un aiuto forte perchè voglio riaprire la mia attività".'
La donna dichiara che "hanno riaperto tutte le attività, manca solo la mia" e coglie l'occasione per ringraziare il governo perchè "non ci ha fatto mancare niente. Nessuno sta in mezzo alla strada, tutti hanno le case con guardini e garage. La gente lavora, le attività stanno riaprendo e voglio riaprire anche la mia. L'Aquila sta tornando come prima". Ma secondo quanro riportato da Repubblica, la storia sarebbe una bufala. La signora non sarebbe de l'Aquila, il vero marito non sarebbe quello in studio e la coppia sarebbe titolare di un'agenzia funebre. Non solo, la donna avrebbe raccontato di essere stata pagata 300 euro per recitare un copione e lodare l'operato del Governo."
Fin qui niente di nuovo ma il becerume arriva quando dice "Dentro gli hotel sono rimasti in tre, quattrocento. E gli fa pure comodo. Mangiano, bevono e non pagano niente, pure io ci vorrei andare» Detto da una finta aquilana e finta terremotata .


Articolo del Corriere.it
h***ttp://www.corriere.it/cronache/11_marzo_28/falsi-terremotti-forum-guerzoni_9d3fadd8-590c-11e0-bc5a-84b93b4dfe5d.shtml
 
la sapete la mia opinione. spero che non diventi una opinione ma una certezza per tutti (perchè alcuni sono ancora convinti del contrario).

Solo una cosa: ma nell'era di Internet quelli di Mediaset sono stati così stupidi da credere che questa storiella montata fosse rimasta segreta?
 
Ultima modifica:
Mia sorella era andata come ospite a forum nel 1996, e in quell'occasione mi aveva rivelato del fatto che chi va là è un attore.

Per il resto, concordo con -Giu-.
 
ribadisco io resto allibito da un persona che porta il cognome che porta per prestarsi a cose del genere...fosse la cosa la VERONICA MAYA amen..na soubrettina come tante...ma accidenti la figlia di DALLA CHIESA così facendo va contro i valori per i quali suo padre è morto.
Ma Nando suo fratello non le dice niente?
 
a parte lo schifo, sta "signora" deve stare attenta a girare adesso, se fossi io un aquilano e me la vedessi di fronte, non so come reagirei .......
 
Ma soprattutto stà Dalla Chiesa che ha fatto e continua a far sempre la moralista ora si presta anche a queste vere e proprie truffe?????? Che se deve fà per lavorar in televisione e cara Rita?????????:D
 
Le dichiarazioni della Rita dalla Chiesa praticamente in lacrime oggi a Forum da tvblog.it:




Nella prima parte di Forum, tutto tace, fino a quando si sente la voce della Dalla Chiesa dire:
Non posso accettare che scrivano di mio padre. Questo non lo posso accettare, capisci?
La conduttrice per quasi una decina di minuti non viene più inquadrata, probabilmente è uscita dallo studio. Poi torna per dare la pubblicità - con la faccia affranta -, al rientro dalla quale fa un annuncio:
Se per favore qualcuno a L’Aquila può avvertire l’assessore Pezzopane, perché avrei bisogno di replicare a tutto un mare di cose ingiuste che state scrivendo, sia su Forum che su di me. Allora, siccome ho capito che il problema del 25 marzo è stato un passaparola ma in pochi aquilani hanno visto la trasmissione, se no non avrebbero scritto quello che hanno scritto, e hanno capito che abbiamo dato voce agli uni e agli altri, sarei lieta se l’Assessore Pezzopane si potesse mettere in ascolto in modo che io possa rispondere ai troppi insulti che mi stanno arrivando e che sono assolutamente sicura di non meritare
Qualche minuto dopo, ancora con l’aria da “cane bastonato”, la Dalla Chiesa inizia leggere una delle tante mail arrivate nella quale si chiama in causa il padre, che si vergognerebbe di quanto sta facendo la figlia. Passa ancora qualche istante e poi Rita dà la sua versione dei fatti, documentando quanto dice con la scheda della protagonista della causa, quella Marina spacciata per aquilana ma che in realtà vive a Popoli, un paese in provincia di Pescara che dista oltre 40 km da L’Aquila (ma questo la conduttrice non lo specifica, limitandosi a dire che Popoli si trova “vicino a Onna”).
Rita racconta che la signora avrebbe davvero avuto dei danni per colpa del terremoto e che avrebbe vissuto per un periodo in un prefabbricato. Poi divaga, ricordando quanto la trasmissione abbia fatto nei giorni immediatamente seguenti alla tragedia. E torna a parlare della causa dichiarando che ciò che Marina ha affermato in trasmissione sarebbe solamente il pensiero della donna, non un messaggio politico dal quale la trasmissione invece si tiene ben distante.
Poi chiosa dicendo:
Noi siamo una trasmissione libera, non mettiamo il bavaglio a nessuno. Il passaparola è stato solo inutile e crudele
 
Non sono d'accordo che si tocca il padre della conduttrice...tra cui anche un grande generale ed un uomo morto per combattere la mafia
 
dado88 ha scritto:
Non sono d'accordo che si tocca il padre della conduttrice...tra cui anche un grande generale ed un uomo morto per combattere la mafia

Quoto. Occorre parlare della vicenda di forum e basta, quindi rimanere nel caso specifico.
 
Ecco cosa ha detto la signora Marina:

Ma che pretendono (gli aquilani, ndr). Io non c’entro nulla. Ho chiesto di partecipare alla trasmissione e quando gli autori hanno saputo che ero abruzzese, mi hanno chiesto di interpretare quel ruolo. Mi hanno spiegato loro quello che avrei dovuto dire […] Mi hanno dato 300 euro. Come agli altri attori. Anche Gualtiero, che nella puntata interpretava mio marito, recitava. Lui è un infermiere di Ortona. Hanno scelto un altro abruzzese per via del dialetto
 
dado88 ha scritto:
Non sono d'accordo che si tocca il padre della conduttrice...tra cui anche un grande generale ed un uomo morto per combattere la mafia

Condivido. Speculazione ignobile e controspeculazione altrettanto ignobile.
 
dado88 ha scritto:
Non sono d'accordo che si tocca il padre della conduttrice...tra cui anche un grande generale ed un uomo morto per combattere la mafia
Nessuno ha insultato il gen. Dalla Chiesa, del resto neppure la sig.ra Rita ha detto detto questo ma che: "Non posso accettare che scrivano di mio padre."

In particolare, in una e-mail letta da lei durante il programma, una persona ha detto che lei - Rita - doveva vergognarsi per quello che era accaduto in trasmissione proprio in considerazione del fatto che suo padre aveva lottato contro le ingiustizie e la falsità e per questo aveva pagato con la sua vita.
Sempre in questa mail, il mittente, chiudeva ribadendo tantissima stima per il generale e nessuna per figlia.

Il padre è stato portato come esempio di straordinaria eccellenza morale, non mi pare che si possa criticare questo punto.
 
dado88 ha scritto:
Non sono d'accordo che si tocca il padre della conduttrice...tra cui anche un grande generale ed un uomo morto per combattere la mafia
Secondo me basterebbe comportarsi in maniera dignitosa e nessuno avrebbe il pretesto di tirare in ballo il padre, quando invece si tocca il fondo in maniera così squallida purtroppo è inevitabile che qualcuno risponda in maniera estrema ed esagerata.
 
No che non lo guardano (come non lo guardo io)...Intervengono solo per indignarsi :)
 
Indietro
Alto Basso